Nuova Loncin DS8: crossover con motore BMW GS650

Il marchio cinese Loncin ha presentato al CIMA 2017 una nuova adventure bike motorizzata con il propulsore monocilindrico della enduro stradale tedesca. Il primo biettivo potrebbe essere la conquista del mercato indiano, dove se la vedrebbe con la Benelli TRK 502. Arriverà in Europa?

Tra i principali costruttori cinesi, Loncin è tra quelli che più rapidamente si sta avvicinando ai gusti e alle tendenze del mercato occidentale, gettando le basi – a nostro avviso – per uno sbarco in grande stile nel Vecchio Continente. Conosciuta al pubblico anche per l’impegno nel Motomondiale 125GP, Loncin ha presentato alla scorsa edizione del salone CIMA Motor la nuova DS8, adventure tourer affascinante e ben fatta che adotta il medesimo propulsore monocilindrico da 652cc della BMW F650 GS. 

Loncin HR7 

Di recente la Casa aveva proposto la HR7, naked dall’immagine sportiva equipaggiata con un propulsore bicilindrico parallelo con stile e prestazioni simili a quelle della Honda CB 500. Come anche con la HR7, lo stile del DS8 esce dagli schemi della produzione di massa per i mercati asiatici abbracciando una filosofia più europea, rendendo la moto una potenziale “world bike” appetibile su tutti i mercati. 

Gli pneumatici stradali con i quali la moto è stata presentata non rendono giustizia allo stile soft off-road, mentre particolari come il faro a LED anteriore conferiscono all’insieme un look accettivante e tecnologico. Il telaio è in tubi di acciaio, mentre il forcellone è in alluminio. Le sospensioni si affidano ad una forcella a steli rovesciati regolabile e un monoammortizzatore posteriore, mentre l’impianto frenante-  con due dischi anteriori a “margherita” – è dotato di ABS. Dal punto di vista della dotazione la moto propone il parabrezza regolabile manualmente ed una bella strumentazione digitale. Il peso a secco dichiarato è di 198 kg, e in tema di potenza la nuova Loncin DS8 dovrebbe riproporre i medesimi valori della vecchia BMW GS650: circa 50 CV a 6.500 giri e 50,1 Nm di coppia a 5.500 giri. 

Con questa moto, come detto, Loncin potrebbe puntare all’assalto della Benelli TRK 502, modello capace di farsi largo in fretta sul mercato indiano grazie alla ricca dotazione ed al prezzo concorrenziale. Non ci sentiamo di escludere che questo modello possa rappresentare un’arma affilata da utilizzare anche per irrompere in Europa. A prima vista, avrebbe i numeri e le potenzialità per fare bene.

Ti è piaciuto il testo? lascia il tuo commento e condividilo con i tuoi amici!

leslie S. Author

Giornalista dal 2014 - specializzazione "Moto e Auto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *