Superbike e FIM: comunicato ok, ma in sintesi?

Da Infront e FIM arriva una comunicazione di intenti comune che però dice poco. In che direzione vogliono andare? quali saranno le novità? in che moto si perseguirà lo sviluppo del campionato SBK?

FIM e Infront, rispettivamente la Federazione Internazionale e la struttura che gestisce il mondiale Superbike, nei giorni scorsi hanno rilasciato un comunicato a mio avviso oltremodo vago e inconcludente: si parla di sviluppo del Mondiale SBK, si parla di intenti comuni, ma non si specifica in alcun modo come si intende perseguire questi obiettivi e quali saranno le strategie per mettere in pratica i propositi. Non voglio in alcun modo pensare che FIM possa “aiutare” la SBK sfavorendo in qualche modo la MotoGP, ma sarebbe opportuno sapere quali saranno gli interventi nel prossimo futuro e quali quelli a lunga gettata, come si intende quindi sviluppare una formula altamente spettacolare ed elettrizzante ma che al momento, secondo la mia opinione, vive ancora all’ombra del Motomondiale “classico”, come una sorta di “Serie B” del motociclismo. Leggi di più a proposito di Superbike e FIM: comunicato ok, ma in sintesi?

Editoria: Internet è un concorrente sleale?

Una volta si stampava con la Linotype. La stampa si è evoluta, ma i giornalisti hanno fatto altrettanto? (foto: infomercantile.com)

Cambio argomento, lascio da parte le moto per qualche istante e parlo di editoria (sono pur sempre un giornalista no?). Lo spunto mi viene da un articolo pubblicato il 13 gennaio su “punto-informatico”: il collega Mauro Vecchio si limita a riportare la notizia secondo cui la FNSI (l’associazione Nazionale della Stampa) avrebbe individuato nel web e nei blog una delle principali cause dei problemi della carta stampata. Dico che il collega “si limita” a riportare la notizia perchè a mio avviso il tutto si commenta da sé, e posso presumere che lo stesso Mauro Vecchio (che scrive per un sito web autorevole) non commenti la cosa proprio in quest’ottica.

Beh, io invece voglio farlo, e per questo dico la mia: siamo proprio sicuri che la colpa sia del web? ma veramente c’è qualcuno che pensa sia possibile conservare la carta stampata così com’è dal 1800 (giusto per parlare di epoca “recente”, il primo giornale come lo intendiamo oggi venne stampato nel 1400 circa a Colonia)? e l’evoluzione tecnologica la vogliamo chiudere fuori, tenere lontana dalla roccaforte dell’editoria classica? con tutto il rispetto per la FNSI… ma fatemi il piacere! Leggi di più a proposito di Editoria: Internet è un concorrente sleale?

ONBIKE: Aprilia RSV4 Aprc

Immagine anteprima YouTube Questo video (pubblicato sulla versione IPad del mensile DueRuote) è il risultato di un esperimento: dopo aver letto tutto e di più su questa moto, ho provato a realizzare qualcosa che andasse oltre il classico video onboard: con l’utilizzo di due videocamere in HD montate sulla moto e di un semplice programma di video editing, ho confezionato questo filmato che, nei miei intenti, dovrebbe fornire un’immagine più chiara di quel che accade sulla moto rispetto al classico “onboard”. Sbaglio?  Leggi di più a proposito di ONBIKE: Aprilia RSV4 Aprc

Kawasaki vende le moto nei supermercati?

Sul sito motocorse.com è apparso un articolo davvero interessante, sopratutto per i risvolti che la notizia segnalata potrà avere: la Kawasaki ha pianificato la vendita di alcuni modelli di moto tramite una nota marca americana di supermercati, e seppure dall’articolo si apprende che si tratta di un “test”, questa news dovrebbe far pensare. Gli italiani sono abituati a guardare con attenzione a quello che succede nei confini nazionali, ma sono spesso meno attenti a cogliere le novità che arrivano dall’estero, salvo poi scoprire che, ad esempio, le auto col cambio automatico sono molto più comode (in USA i cambi meccanici sono praticamente scomparsi da 30anni) o ancora che i tablet possono rappresentare il futuro dell’editoria (USA e Giappone sono avanti anni luce in quest’ambito) e migliaia di altri esempi. Leggi di più a proposito di Kawasaki vende le moto nei supermercati?

Supermono: è ora di tornare a pensarci!

La Yamaha SZR 660 Supersingle degli anni '90

Monocilindriche, leggere, specialistiche. Un “nuovo” modo per divertirsi su strada e in pista 

 

Il settore delle moto sportive è a un vicolo cieco: prestazioni oramai esagerate, prezzi che crescono in maniera direttamente proporzionale alla sofisticazione tecnica e appassionati che spesso ripiegano su scelte meno estreme (ed estremistiche) in virtù di una maggiore duttilità e facilità di utilizzo. Ma siamo sicuri che non esista una soluzione? E se la “chiave di volta” fosse proprio sotto ai nostri occhi? 

Senza la presunzione di possedere la verità assoluta, queste valutazioni mi fanno  pensare che forse è arrivato il momento di riprendere in mano i progetti “supermono”, esattamente quelli presentanti e velocemente rimessi nel cassetto circa a metà degli anni ‘90 da alcune aziende. Moto leggere, facili, umane nelle prestazioni quanto divertenti. 

Ma andiamo per ordine.  Leggi di più a proposito di Supermono: è ora di tornare a pensarci!